Ma soprattutto avrebbe senso?

Abbiamo avuto l’occasione di ascoltare al Luiss HUB le parole di Ferdinando Ametrano in merito al ruolo di Bitcoin nel panorama blockchain, ne riportiamo un breve estratto.   

In termini pragmatici se non ci fosse Bitcoin non si avrebbe nemmeno un asset in grado di ricompensare i miners, ovvero coloro che contribuiscono nella visione di Satoshi ad estrarre il futuro oro digitale.

La vera domanda dovrebbe essere proiettata su una Blockchain beyond BTC e non senza BTC. Ovvero una Blockchain senza applicazioni monetarie.

Immaginate di avere un file di dati, sia un docx word o un file da 2 Terabyte, attraverso la funzione di Hash questo viene codificato in una dimensione fissa ottenendo un risultato equivalente ad un’impronta digitale.

L’Hash value relativo al contratto di acquisto di un’quadro può essere associato ad una transazione BTC e collocato in un blocco al tempo (t2= 2018). 

In caso di disputa con il venditore (nel tempo t4= 2020), grazie alla transazione Bitcoin, in sede giuridica sarebbe possibile dimostrare che al tempo si è ricevuto il pieno titolo sul bene in una determinata forma, infatti in caso di modifica dei termini contrattuali nel 2018 la funzione di Hash avrebbe un valore diverso. 

L’immutabilità della Blockchain consente di avere applicazioni pratiche come il timestamping ovvero una modalità in grado di notarizzare più documenti in un’unica transazione.

In questa direzione è già stato standardizzato un protocollo che permette a terzi parte di fare auditing, verificando, l’autenticità di queste notazioni, l’opentimestamping

Perché il BTC può essere considerato l’equivalente digitale dell’oro?

Partiamo dal vincolo maggiore, il problema della doppia spesa. Quando si utilizza un artefatto digitale (saldo bancario) per prevenire la possibilità di una duplice spesa, è necessario avere una controparte centrale (Banche) che garantisca l’unicità della transazione. 

Per un problema di computer science è impossibile che un network distribuito asincrono (comunicazione 1 ad 1) riesca a raggiungere il consenso, infatti se uno solo nodo della rete è malevolo, la comunicazione del gruppo risulta deviata.

Dunque, come risolvere questo problema il Network di Satoshi Nakamoto? 

Tutti i nodi della rete validano la totalità delle transazioni e incrementano la potenza computazionale in quanto i minatori fanno a gara tra di loro per essere i primi a finalizzare un blocco di transazioni. 

Questo avviene con lo scopo di a ricevere una partizione di BTC attraverso una transazione speciale compresa all’interno del blocco stesso. 

Dunque, se un miner malevolo includesse nel proprio blocco una transazione invalida e la propagasse, noi giudicheremmo l’intero blocco invalido annullandone il ricavo e vanificando il lavoro altamente costoso.

Cosa rende BTC speciale?

  • È un asset,
  • È la prima istanza di un bene digitale che può essere trasferito e non duplicato,
  • La potenza computazione è crescente, ma la difficoltà di mining viene artificialmente aumentata.
  • È scarso in ambito digitale, mima la politica estrattiva dell’orocon in più un network incensurabile su cui vengono socializzate le rendite di signoraggio.
  • L’offerta di BTC è libera da qualsiasi intervento discrezionale (no organi centrali).
  • Bitcoin è più una cryprocommodity piuttosto che una moneta digitale spendibile per un caffè o una pizza. 
  • BTC aspira ad essere un nuovo asset di riserva globale. 

La finanza non ha bisogno di BTC, ma il Bitcoin Network ha bisogno della finanza per raggiungere la mass adoption e quindi per inserire l’asset BTC nei portafogli dei retail isitutional investors

Il  Digital Gold Institute Società di Ricerca e sviluppo fondata dal principale sostenitore, conoscitore, studioso e divulgatore della cultura Bitcoin Italiano, Ferdinando Ametrano, si occuperà di mediare i rapporti con la finanza tradizionale, ma soprattutto diffondere, insegnare e promuovere la scarsità economica della domanda digitale (Bitcoin e Crypto-assets) offrendo servizi di consulenza tecnica e gestionale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *