Grazie all’intervento di Enrico Petocchi, Executive director di @shappstrade e presidente di Twice Corporate, durante l’evento: “Crypto&Ico dopo la bolla la regolamentazione” vi proponiamo:
UTILITY TOKEN – HOW TO GUIDE [Reading time: 35 sec]

Secondo Enrico Petocchi gli ingredienti fondamentali per un UTILITY #token di sucesso sono:

  1. NO #burn di token per creare scarsità economica e quindi alzare i prezzi; paragonabile ad una distribuzione di #dividendi.
  2. Conferma patrimoniale con #lockdown #storage (I soci fondatori della società devono garantire una riserva minima di token, soggetti ad un divieto di liquidazione).
  3. Chiarezza sull’utilità rappresentata, altrimenti rimane uno strumento prettamente speculativo.
    Esempio

Paris Saint Germain / Juventus emettono un UTILITY token (#FTA: Fan Token Offering) in cambio di una prelazione per poter comprare biglietti, rinnovare abbonamenti, votare il design delle maglie o semplicemente distribuire premi. 

L’obiettivo della #Tokenizzazione è la creazione di un modello di perfetta concorrenza con approvazione del mercato.
La società che decide di emettere un Utility Token diventa la #Bancacentrale della propria community, questo ruolo viene scelto e convalidato dal mercato (gli utenti determinano il controvalore del token in base all’utilizzo/inutilizzo di esso, dunque in rapporto alla sua reale utilità).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *